D’Alba Auro – Umberto Bottone

Auro D'Alba - Umberto Bottone

Schiavi di Abruzzo 1888 – Roma 1965, è stato un poeta italiano Nacque a Roma il 14 marzo 1888 da Giuseppe e da Maria Amici. Amico di Sergio Corazzini ed introdotto in un piccolo cenacolo di giovanissimi poeti e scrittori (tra i quali figurava anche Armando Mazza), esordì con una … continuar

Corra Bruno

Bruno Corra

Ravenna 1892 – Varese 1976, è stato uno scrittore e sceneggiatore italiano. Figlio del conte Tullio Ginanni Corradini, nasce a Ravenna, secondo di quattro figli, da famiglia aristocratica. Si dedica agli studi classici e parallelamente approfondisce con il fratello maggiore Arnaldo, dedito a studi artistici, la conoscenza di scienze occulte, … continuar

Buzzi Paolo

Paolo Buzzi

Milano 1874 – Milano 1956, è stato un poeta e scrittore italiano di impronta futurista. Nato a Milano il 15 febbr. 1874 da Angelo e da Camilla Riva, dopo gli studi giuridici a Pavia – dove ebbe per maestri C. Ferrini e V. Simonelli – intraprese la carriera amministrativa, abbandonata … continuar

Buendía Abreu Rogelio

Rogelio Buendía Abreu

En el año en que nació Rogelio, España sentía sobre sus valles tropel de caballos y agudo sonar de cornetas militares. Está próxima la batalla de Alcolea que exiliará a Isabel II y traerá una nueva dinastía a nuestro país y, dos años más tarde, la I República. En estos … continuar

Betteloni Vittorio

Vittorio Betteloni

Verona 1840 – Castelrotto 1910, è stato un poeta italiano. Inizia, appena adolescente, a buttar giù versi con l’incoraggiamento del padre Cesare, anch’egli poeta, alla cui morte per suicidio, nel 1858, è affidato alla tutela dell’altro noto poeta e amico di famiglia, Aleardo Aleardi, che lo iscrive alla facoltà di … continuar

Altomare Libero

Libero Altomare

Libero Altomare (nome d’arte voluto da Marinetti per Remo Mannoni, 1883-1966) iniziò la sua carriera letteraria nell’alveo dannunziano: con una piccola raccolta di versi stampata in proprio nel 1908, Rime dell’Urbe e del Suburbio, e una rivista letteraria (‘Primo Vere’) che non ebbe successo. La sua seconda raccolta, Procellarie, stampata … continuar

Distruzione della sintassi, immaginazione senza fili

Distruzione della sintassi, immaginazione senza fili

La sensibilità futurista Il mio manifesto tecnico della Letteratura futurista (11 Maggio, 1912) col quale inventai il lirismo essenziale e sintetico, l’immaginazione senza fili e le parole in libertà, concerne esclusivamente l’ispirazione poetica. La filosofia, le scienze esatte, la politica, il giornalismo, l’insegnamento, gli affari, pur ricercando forme sintetiche di … continuar

Manifesto tecnico della letteratura futurista

Manifesto tecnico della letteratura futurista

In aeroplano, seduto sul cilindro della benzina, scaldato il ventre dalla testa dell’aviatore, io sentii l’inanità ridicola della vecchia sintassi ereditata da Omero. Bisogno furioso di liberare le parole, traendole fuori dalla prigione del periodo latino! Questo ha naturalmente, come ogni imbecille, una testa previdente, un ventre, due gambe e … continuar

Crotti Jean

Jean Crotti

Jean Crotti (24 April 1878 – 30 January 1958) was a Swiss painter. Crotti was born in Bulle, Fribourg, Switzerland. He first studied in Munich, Germany at the School of Decorative Arts, then at age 23 moved to Paris to study art at the Académie Julian. Initially he was influenced … continuar