Il Tattilismo

Punto e a capo.
Il Futurismo, da noi fondato a Milano nel 1909, diede al mondo l’odio del Museo, delle Accademie e del Sentimentalismo, l’Arte-azione, la difesa della gioventù contro tutti i senilismi, la glorificazione del genio novatore, illogico e pazzo, la sensibilità artistica del meccanicismo, della velocità, del Teatro di Varietà e delle compenetrazioni simultanee della vita moderna, le parole in libertà, il dinamismo plastico, gl’intonarumori, il teatro sintetico. Il Futurismo raddoppia oggi il suo sforzo creatore.
Nell’estate scorsa, ad Antignano, là dove la via Amerigo Vespucci, scopritore d’Americhe, s’incurva costeggiando il mare, inventai il Tattilismo. Sulle officine occupate dagli operai garrivano bandiere rosse.
Ero nudo nell’acqua di seta, lacerata dagli scogli, forbici coltelli rasoi schiumosi, fra i materassi d’alghe impregnate di iodio. Ero nudo nel mare di flessibile acciaio, che aveva una respirazione virile e feconda. Bevevo alla coppa del mare piena di genio fino all’orlo. Il sole con le sue lunghe fiamme torrefacenti vulcanizzava il mio corpo e bullonava la chiglia della mia fronte ricca di vele. Una ragazza del popolo, che aveva odore di sale e di pietra calda, guardò sorridendo la mia prima tavola tattile:
– Si diverte a fare delle barchette!
Io le risposi:
– Sì, costruisco un’imbarcazione che porterà lo spirito umano verso paraggi sconoscuti.
Ecco le mie riflessioni di nuotatore:
La maggioranza più rozza e più elementare degli uomini è uscita dalla grande guerra coll’unica preoccupazione di conquistare un maggior benessere materiale.
La minoranza composta di artisti e di pensatori, sensibili e raffinati, manifesta invece i sintomi di un male profondo e misterioso che è probabilmente una conseguenza del grande sforzo tragico che la guerra impose all’umanità.
Questo male ha per sintomi una svogliatezza triste, una nevrastenia troppo femminile, un pessimismo senza speranza, una indecisione febbrile d’istinti smarriti e una mancanza assoluta di volontà.
La maggioranza più rozza e più elementare degli uomini si slancia tumultuosamente alla conquista rivoluzionaria del paradiso comunista e dà l’assalto finale al problema della felicità, con la convinzione di risolverlo soddisfacendo tutti i bisogni e tutti gli appetiti materiali.
La minoranza intellettuale diprezza ironicamente questo tentativo affannoso, e non gustando più le gioie antiche della Religione, dell’Arte e dell’Amore, che costituivano i suoi privilegi e i suoi rifugi, intenta un crudele processo alla Vita, di cui non sa più godere, e si abbandona ai pessimismi rari, alle inversioni sessuali e ai paradisi artificiali della cocaina, dell’oppio, dell’etere, ecc.
Quella maggioranza e questa minoranza, denunciano il Progresso, la Civiltà, le Forze meccaniche della Velocità della Comodità dell’Igiene, il Futurismo, insomma, come responsabili delle loro sventure passate, presenti e future.
Quasi tutti propongono un ritorno alla vita selvaggia, contemplativa, lenta, solitaria, lungi dalle città aborrite.
Quanto a noi Futuristi, che affrontiamo coraggiosamente il dramma spasimoso del dopo-guerra, siamo favorevoli a tutti gli assalti rivoluzionari che la maggioranza tenterà. Ma alla minoranza degli artisti e dei pensatori, gridiamo a gran voce:
– La Vita ha sempre ragione! I paradisi artificiali coi quali pretendete di assassinarla sono vani. Cessate di sognare un ritorno assurdo alla vita selvaggia. Guardatevi dal condannare le forze superiori della Società e le meraviglie della velocità. Guarite piuttosto la malattia del dopo-guerra, dando all’umanità nuove gioie nutrienti. Invece di distruggere le agglomerazioni umane, bisogna perfezionarle. Intensificate le comunicazioni e le fusioni degli esseri umani. Distruggete le distanze e le barriere che li separano nell’amore e nell’amicizia. Date la pienezza ela bellezza totale a queste due manifestazioni essenziali della vita: l’Amore e l’Amicizia.
Nelle mie osservazioni attente e antitradizionali di tutti i fenomeni erotici e sentimentali che uniscono i due sessi, e dei fenomeni non meno complessi dell’amicizia, ho compreso che gli esseri umani si parlano colla bocca e cogli occhi, ma non giungono ad una vera sincerità, data l’insensibilità della pelle, che è tuttora una mediocre conduttrice del pensiero.
Mentre gli occhi e le voci si comunicano le loro essenze, i tatti di due individui non si comunicano quasi nulla nei loro urti, intrecci o sfregamenti.
Da ciò, la necessità di trasformare la stretta di mano, il bacio e l’accoppiamento in trasmissioni continue del pensiero.
Ho cominciato col sottoporre il mio tatto ad una cura intensiva, localizzando i fenomeni confusi della volontà e del pensiero su diversi punti del mio corpo e particolarmente sul palmo delle mani. Questa educazione è lenta, ma facile, e tutti i corpi sani possono dare, mediante questa educazione, risultati sorprendenti e precisi.
Invece, le sensibilità malate, che traggono la loro eccitabilità e la loro perfezione apparente dalla debolezza stessa del corpo, giungeranno alla grande virtù tattile meno facilmente, senza continuità e senza sicurezza. Ho creato una prima scala educativa del tatto, che è nello stesso tempo una scala di valori tattili pel Tattilismo, o Arte del tatto.
Prima scala, piana, con 4 categorie di tatti diversi.

Prima categoria: tatto sicurissimo,
astratto, freddo.
Carta vetrata,
carta argentata.
Seconda categoria: tatto senza calore, persuasivo, ragionante.
Seta liscia.
Crespo di seta.
Terza categoria: eccitante, tiepido, nostalgico.
Velluto,
Lana dei Pirenei,
Lana,
Crespo di seta-lana.
Quarta categoria: quasi irritante, caldo, volitivo.
Seta granulosa,
Seta intrecciata,
Stoffa spugnosa.
Seconda scala, di volumi.
Quinta categoria: morbido, caldo, umano.
Pelle scamosciata,
Pelo di cavallo o di cane.
Capelli e peli umani,
Marabù.
Sesta categoria: caldo, sensuale, spiritoso, affettuoso.
Questa categoria ha due rami:
Ferro ruvido,
Spazzola leggera,
Spugna,
Spazzola di ferro,
Peluche,
Peluria della carne o della pesca,
Peluria d’uccello.
Mediante questa distinzione di valori tattili, ho creato:
1. – Le tavole tattili semplici che presenterò al pubblico nelle nostre contattilazioni o conferenze sull’Arte del tatto.
Ho disposto in sapienti combinazioni armoniche o antitetiche i diversi valori tattili catalogati precedentemente.
2. – Tavole tattili astratte o suggestive (Viaggi di mani).
Queste tavole tattili hanno delle disposizioni di valori tattili che permettono alle mani di vagare su di esse seguendo tracce colorate e realizzando così uno svolgersi di sensazioni suggestive, il cui ritmo a volta a volta languido, cadenzato o tumultuoso, è regolato da indicazioni precise.
Una di queste tavole tattili astratte realizzate da me e che ha per titolo: Sudan-Parigi, contiene nella parte Sudan dei valori tattili rozzi, untuosi, ruvidi, pungenti, brucianti (stoffa spugnosa, spugna, carta vetrata, lana, spazzola, spazzola di ferro); nella parte Mare, valori tattili sdrucciolevoli, metallici, freschi (carta argentata); nella parte Parigi, valori tattili morbidi, delicatissimi, carezzevoli, caldi e freddi ad un tempo (seta, velluto, piume, piumini).
3. – Tavole tattili per sessi diversi.
In queste tavole tattili, la disposizione dei valori tattili permette alle mani di un uomo e di una donna, accordate fra loro, di seguire e valutare insieme il loro viaggio tattile. Queste tavole tattili sono svariatissime, e il piacere che danno si arricchisce d’inatteso, nell’emulazione di due sensibilità rivali, che si sforzeranno di sentir meglio e di spiegar meglio le loro sensazioni concorrenti.
Questa tavole tattili sono destinate a sostituire l’abbrutente gioco degli scacchi.
4. – Cuscini tattili.
5. – Divani tattili.
6. – Letti tattili.
7. – Camicie e vestiti tattili.
8. – Camere tattili.
In queste camere tattili avremo pavimenti e muri formati da grandi tavole tattili. Valori tattili di specchi, acque, correnti, pietre, metalli, spazzole, fili leggermente elettrizzati, marmi, velluti, tappeti che daranno ai piedi nudi dei danzatori e delle danzatrici un piacere variato.
9. – Vie tattili.
10. – Teatri tattili.
Avremo dei teatri predisposti pel Tattilismo. Gli spettatori seduti appoggeranno le mani su dei lunghi nastri tattili che scorreranno, producendo delle sensazioni tattili con ritmi differenti. Questi nastri tattili potranno anche essere disposti su piccole ruote giranti, con accompagnamenti di musica e di luci.
11. – Tavole tattili per improvvisazioni parolibere.
Il tattilista esprimerà ad alta voce le diverse sensazioni tattili che gli saranno date dal viaggio delle sue mani. La sua improvvisazione sarà parolibera, ossia liberata da ogni ritmo, prosodia e sintassi, improvvisazione essenziale e sintetica e quanto meno umana possibile. Il tattilista improvvisatore potrà aver bendati gli occhi, ma è preferibile avvolgerlo nel fascio di raggi d’un proiettore. Si benderanno gli occhi ai nuovi iniziati che non hanno ancora educato la loro sensibilità tattile. Quanto ai veri tattilisti, la piena luce d’un proiettore è preferibile, poiché l’oscurità produce l’inconveniente di concentrare troppo la sensibilità in una astrazione eccessiva.
Educazione del tatto.
1. – Bisognerà tenere inguantate le mani per moti giorni, durante i quali il cervello si sforzerà di condensare in esse i desideri di sensazioni tattili diverse.
2. – Nuotare sott’acqua, nel mare, cercando di distinguere tattilisticamente le correnti intrecciate e le diverse temperature.
3. – Enumerare e riconoscere ogni sera, in un’oscurità assoluta, tutti gli oggetti che sono nella camera da letto. Appunto col dedicarmi a questo esercizio nel sotterraneo buio di una trincea di Gorizia, nel 1917, io feci i miei primi esperimenti tattili.
Non ebbi mai la pretesa d’inventare la sensibilità tattile, che già si manifestò in forme geniali nella Jongleuse e negli Hors-nature di Rachilde. Altri scrittori ed artisti ebbero il presentimento del tattilismo. Esiste inoltre da molto tempo un’arte del tatto plastico. Il mio grande amico Boccioni, pittore e scultore futurista, sentiva tattilisticamente, quando creava nel 1911 il suo insieme plastico Fusione di una testa e di una finestra, con materiali assolutamente opposti come peso e valore tattile: ferro, porcellana e capelli di donna.
Il Tattilismo creato da me è un’arte nettamente separata dalle arti plastiche. Non ha nulla a che fare, nulla da guadagnare e tutto da perdere con la pittura o la scultura.
Bisogna evitare quanto più sia possibile, nelle tavole tattili, la varietà dei colori, che si presta ad impressioni plastiche. I pittori e gli scultori, che tendono naturalmente a subordinare i valori tattili ai valori visuali, potranno difficilmente creare delle tavole tattili significative. Il Tattilismo mi sembra particolarmente riservato ai giovani poeti, ai pianisti, ai dattilografi, e a tutti i temperamenti erotici raffinati e potenti.
Il Tattilismo, nondimeno, deve evitare non solo la collaborazione delle arti plastiche, ma anche l’erotomania morbosa. Deve aver per scopo le armonie tattili, semplicemente, e collaborare indirettamente a perfezionare le comunicazioni spirituali fra gli esseri umani, attraverso l’epidermide.
La distinzione dei cinque sensi è arbitraria e un giorno si potranno certamente scoprire e catalogare numerosi altri sensi. Il Tattilismo favorirà questa scoperta.

F.T.Marinetti – Manifesto futurista, Milano, 11 gennaio 1921 – Letto al Théâtre de l’Oeuvre (Parigi), all’Esposizione mondiale d’Arte Moderna (Ginevra), e pubblicato da “Comoedia” in Gennaio 1921

Il Tattilismo

Marcar el enlace permanente.