Badiali Carla

Novedrate 1907 – Como 1992, pittrice italiana.

Con M. Rho e M. Radice fu tra gli esponenti del gruppo astrattista di Como; fece poi parte (1937) del movimento futurista della seconda generazione fondato da A. Sartoris e del gruppo Valori primordiali. Dal 1946 partecipò alle più importanti rassegne dell’astrattismo italiano,
proseguendo nella sua ricerca in una continua decantazione dei motivi geometrici e delle ritmiche planimetrie cromatiche.

Nata a Novedrate, frequenta le scuole in Francia dove la famiglia si trasferisce per lavoro. Qui studia anche pittura e musica. Rientrata in Italia, a Como, frequenta l’Istituto tecnico-industriale
per la lavorazione della seta. Conosce Manlio Rho suo professore di disegno che la introduce nel gruppo degli astrattisti comaschi. La partecipazione a questo gruppo rappresenta l’esperienza artistica fondamentale della sua formazione che la orienta alla pittura astratta. Per tutta la vita Carla Badiali opera in due ambiti di attività: il design di stoffe e tessuti, prevalentemente per le aziende e
i setifici comaschi, e la pittura ad olio. Espone per la prima volta con gli astrattisti comaschi nel 1936 alla Mostra della pittura moderna italiana alla Villa Olmo di Como.

Nel 1940 sottoscrive il Manifesto del gruppo primordiali futuristi Sant’Elia e a partire da questa presa di posizione partecipa a numerose mostre ed esposizioni con questo gruppo di artisti.

Nei successivi anni di guerra, accantona l’attività artistica per l’attività antifascista. Oltre ad attività organizzative è impegnata nella falsificazione di documenti d’identità per favorire la copertura e l’espatrio di attivisti. Viene arrestata nel 1945 e rinchiusa nel carcere di San Vittore di Milano per
un breve periodo.

Dopo la Liberazione riprende a lavorare nel campo del design del tessuto progettando tessuti per numerose case di moda italiane e straniere (Chanel, Dior, Givenchy) e producendo disegni per tessuti per la casa e per l’arredo. A partire dal 1951 riprende anche la sua partecipazione a mostre d’arte ed esposizioni.

Nel 2007, nel centenario della nascita dell’artista, la Fondazione Antonio Ratti di Como, ha realizzato una mostra retrospettiva dell’attività nel campo del design di tessuti, esponendo disegni originali, prove di stampa e tessuti, prevalentemente sete, realizzati dagli anni 20 agli anni 50 dall’artista per le industrie comasche.

Marcar el enlace permanente.